• No products in the cart.
articolo zone fao pesca disolocibo

Zone FAO – Di cosa si tratta? Come riconoscerle?

Nella sezione dedicata ai nostri prodotti, potete trovare informazioni sulla tracciabilità a proposito delle ZONE FAO da cui proviene il pesce che utilizziamo per le nostre ricette.

Perché abbiamo deciso di rendervi note le zone Fao di nostro interesse?

Oggi, la maggior parte dei prodotti ittici presenti sui banconi dei supermercati non proviene dai nostri mari italiani, ma dall’estero.
Al fine di garantire la tutela del consumatore, la legge rende obbligatoria l’indicazione per esteso del mare di provenienza e della cosiddetta zona FAO. Essa deriva dalla suddivisione in zone dei mari, parti di mare e di ogni oceano da cui provengono i prodotti pescati cui è stato assegnato un codice alfanumerico di riferimento. Ad esempio, il Mar Mediterraneo corrisponde alla Zona FAO 37, la quale a sua volta è stata suddivisa in sottozone: 37.1, 37.2, 37.3 per garantire una localizzazione più puntuale.

Un esempio di zona FAO di un nostro prodotto

Come potrete leggere sulle etichette dei nostri prodotti a base di pesce, deve essere riportata sulla confezione l’identificazione appropriata, ovvero la denominazione in lingua italiana, accompagnata dal nome scientifico. Ad esempio, acquistando l’Insalatina di mare dell’Adriatico DISOLOCIBO, tra gli ingredienti elencati troverete:
polpo (Octopus vulgaris), seppia (Sepia officinalis).

Ciò rappresenta un requisito fondamentale per poter garantire a voi consumatori il processo della rintracciabilità.

Di cosa si tratta?

Assegnando il numero di lotto ad un prodotto, siamo in grado di risalire ai singoli processi di produzione e quindi arrivare ad avere informazioni sugli ingredienti utilizzati.
Inoltre, in caso di ingredienti contaminati o che sono stati a contatto con materiale a rischio, possiamo risalire alla fonte e ritirare il prodotto incriminato.

Da quali ZONE FAO provengono i pesci che utilizziamo?

I nostri prodotti contengono pesci della zona FAO 37, la quale identifica il Mar Mediterraneo e il Mar Nero.
A sua volta, la zona 37 è suddivisa in altre piccole subzone: la zona 37.2.1 per il Mar Adriatico, la zona  37.2.2 per lo Ionio, infine la  zona 37.1.3 per il Mar Tirreno.

Oggi, essere un consumatore consapevole  fa la differenza ed è estremamente importante per la cura della tua salute.

Il tuo benessere dipende anche da una sana alimentazione.

Occhio sempre attento alle zone Fao d’ora in poi!

I motivi per dire SI al sottovuoto

Scopri perché nel precedente articolo – CLICCA QUI

Post a Comment